.
Annunci online

nuovapolitica
La politica italiana è morta. Raccogliamo idee e forze per farla rinascere con un partito nuovo.


Diario


21 maggio 2008

Poveri bambini del Gaslini

Cari amici e lettori,

chiudete gli occhi, toccate ferro, e immaginate di avere un figlio o un nipotino di 10 anni in ospedale. E' brutto tempo e probabilmente pioverà, ma volete andare lo stesso a visitarlo.

Ora aprite pure gli occhi e rispondetemi sinceramente: lo fareste aspettare sotto la pioggia, o andreste a cercarlo nella sua stanza?

Qualcuno, probabilmente, non la pensa come voi!

Infatti, domenica scorsa, il signor Ratzinger è andato a "salutare" i bambini ricoverati al Gaslini di Genova. Per l'occasione è stata montata una tettoia nel cortile dell'ospedale... per riparare i bambini dal maltempo, direte voi... e invece no: la tettoria è stata usata dal papa e dai suoi sgherri, mentre i bambini feriti o malati aspettavano sotto la pioggia coperti solo da mantelline come quelle usate dagli scout (e chiunque abbia fatto lo scout sa bene che sotto quelle mantelline o hai freddo, o crepi di caldo, ma non stai mai bene).

Un'ulteriore conferma del totale disinteresse provato dal papa per le persone in difficoltà, o meglio del suo interesse opportunistico nei loro confronti, che li vede solo come decorazioni di cui fregiarsi di fronte alle telecamere.


17 maggio 2008

Yo no te espero!

Da oggi pomeriggio Genova è una città blindata! Le linee di trasporto pubblico subiranno significative riduzioni del servizio. Interi quartieri saranno di fatto isolati da stasera a domani sera. In alcune zone del centro si entrerà solamente con l'apposito pass.

Chiunque conosca questa città sa bene che una conseguenza di tutte queste misure sarà un blocco totale del traffico, che a Genova è sempre delicato e precario. Quindi code infinite e ritardi paurosamente lunghi.

Inoltre i pochi alberi di Piazza della Vittoria sono stati tagliati per fare spazio al palco e la maggior parte delle forze dell'ordine e dei mezzi di emergenza sarà concentrata solo in quella zona.

Tutto questo per dare la possibilità di fare un comizio e una messa della persona più trasmessa dalla televisione italiana!

Per farla breve... io non ti aspetto, Ratzinger! Se ti senti tanto amato da avere bisogno di bloccare una città per paura degli attentati, allora puoi tornartene a Roma. Anzi, visto che l'età ce l'hai, perché non vai in pensione?


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ratzinger genova visita pastorale

permalink | inviato da nuovapolitica il 17/5/2008 alle 11:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


8 giugno 2007

Cosa succede senza testamento biologico e senza eutanasia.

Ieri, a Genova, un malato terminale di 69 anni si è suicidato perché non voleva soffrire. Non era ancora bloccato a letto dalla sua malattia, sarebbe potuto vivere ancora qualche anno accanto a sua moglie, ma ha deciso di farla finita subito, rapidamente.

Una tragedia, certo, ma di chi è la colpa? Se siete teocon o teodem (dove sta la differenza, poi?) so già cosa state per dire, ma non provateci nemmeno. No, la colpa non è del dibattito sul testamento biologico o sull'eutanasia, non è di chi chiede che i malati terminali possano decidere di farla finita prima, senza soffrire.

La colpa è solo vostra, miei cari signori. Siete voi che pontificate sul valore assoluto della vita, come se la vita fosse un concetto astratto o una categoria filosofica. Siete voi che condannate chi è bloccato a letto malato a soffrire per mesi o anni solo per poter fare i vostri discorsi in parlamento, o per baciare la tonaca bianca di un tedesco. Siete voi che condannate per omicidio i parenti, se ascoltano le volotà del loro caro e lo aiutano a smettere di soffrire.

Se ci fosse stata la possibilità di rifiutare in anticipo determinate cure o, meglio ancora, di farsi uccidere in maniera più pulita dal dottore più tardi, dopo aver vissuto fino all'ultimo secondo la propria vita (quella vera, quella in cui si può uscire di casa, abbracciare la propria moglie, giocare con figli e nipoti), se ci fosse stata l'eutanasia questo signore se ne sarebbe andato in pace molto più tardi, magari dopo anni di vita insieme alla moglie. Allo stato attuale, invece, che poteva fare?

Se questa signora è già vedova è solo colpa vostra!

sfoglia     settembre       
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Proposte Politiche
Note su L.C.

VAI A VEDERE

50e50 - UDI
Agedo
Arcigay
Arcilesbica
Cariuli
Crisalide
Colapesce
Emilieto
Fireman
Francescopala
Gattopesce
Gaytoday
Il mondo di Galamay
Il mondo di Galatea
Neroassenso
Noi Valdesi Forum
Parteattiva
Pensieri Informati
UAAR (Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti)
Usbek


Add to Technorati Favorites



CERCA