.
Annunci online

nuovapolitica
La politica italiana è morta. Raccogliamo idee e forze per farla rinascere con un partito nuovo.


Note su L.C.


6 settembre 2007

Note su L.C. (2) - il primo contatto.

Buona parte degli attivisti di L.C. sono entrati nel partito mentre frequentavano le scuole superiori. Ancora oggi molti ragazzi entrano in contatto con L.c. mentre frequentano un liceo o un istituto tecnico, diciamo fra i 14 e i 17 anni.

Il primo contatto con L.C. e il modo in cui il partito coinvolge i giovani e li porta e sacrificare la maggior parte del loro tempo e delle loro risorse  per la sua causa segue uno schema più o meno fisso. Si tratta di uno schema ampiamente testato, che si è dimostrato molto efficace per sopprimere l'influenza di qualsiasi voce dissonante e che rende molto difficile per i ragazzi l'abbandono del partito.

Ogni anno i circoli di L.C. organizzano dei cicli di conferenze destinati principalmente ai ragazzi e ampiamente pubblicizzati davanti alle scuole all'inizio e alla fine delle lezioni, generalmente hanno titoli accattivanti, tipo "corso di marxismo" o "le profezie scientifiche del marxismo", oppure legati a temi attuali come l'ambientalismo o le disuguaglianze economiche. Gli attivisti che pubblicizzano queste conferenze sono sempre giovani e simpatici, se possibile di bell'aspetto, e le presentano quasi come se si trattasse di andare a una festa.

Le conferenze di questi cicli vengono tenute da relatori abbastanza giovani, con uno stile informale e frequenti riferimenti a fatti noti al pubblico. Non mancano molte note ironiche e battute per rendere gli argomenti più interessanti. Specialmente durante i primi incontri viene ammesso uno stile parzialmente dialogico, in cui le critiche del pubblico vengono accolte con un sorriso e una risposta pronta e ben articolata.

Alla conferenza segue di solito una fase di dibattito, nel corso della quale viene sfruttato ad arte il tipico imbarazzo che rende spesso difficile per chi segue una conferenza o una lezione trovare il coraggio di porre domande al relatore. In fondo alla sala siedono infatti uno o più attivisti del partito, spesso anche il responsabili dell'attività giovanile (che durante la conferenza avrà osservato con attenzione le reazioni del pubblico e di ogni suo componente), che a questo punto si rivolgono al relatore per porre domande su presunte curiosità suscitate dalla conferenza. Si tratta, naturalmente, di domande decise in anticipo, la cui risposta è stata già più o meno preparata. In questo modo L.C. si inventa un pubblico curioso e interessato, favorendo la nascita nei ragazzi venuti da fuori di un senso di interesse e coinvolgimento.

Dopo il dibattito, quando i ragazzi sono stanchi, il responsabile dell'attività giovanile e gli attivisti presenti attaccano bottone con i nuovi spettatori chiacchierando a piccoli gruppi. Saggiano le loro reazioni, rispondono ad eventuali ulteriori dubbi e, soprattutto, gli chiedono se li vedranno anche alla successiva conferenza del ciclo. Soprattutto a una certa età può essere molto difficile rispondere di no in modo diretto a una simile domanda, soprattutto se si è più o meno coscienti che la domanda successiva sarà "perchè?" e che non ci si è preparati una scusa. Naturalmente questa semplice domanda non è automaticamente sufficiente, cosicché quelle stesse persone gli telefoneranno due o tre volte nell'arco della settimana successiva per verificare che tornino.

[to be continued]


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. L.C. conferenza primo incontro

permalink | inviato da nuovapolitica il 6/9/2007 alle 10:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


1 settembre 2007

Note su L.C. (1)

In Italia, a fianco dei tradizionali partiti politici, esiste almeno un partito extraparlamentare che si scaglia con tutte le sue forze contro i valori della nostra costituzione.

Questo partito, di ispirazione comunista -e con questo non voglio demonizzare il comunismo, dal quale ho tratto numerose suggestioni-, afferma di essere l'unico depositario dell'eredità di Marx e Lenin... non partecipa alle elezioni e mette alla berlina gli elettori... lavora esplicitamente al fine di preparare una sollevazione armata per sovvertire l'attuale ordinamento democratico...

Per evitare di trovarmi inviaschiato in qualche causa legale, eviterò di farne il nome. Sarà però facile indovinarlo per molti frequentatori di questo forum.

I mass media di questo paese ignorano solitamente questo partito, le cui manifestazioni non sono frequenti, colorate e rumorose come quelle dei NO-Global o di Rifondazione. Non mi risulta che la polizia, nell'ultimo decennio, si sia mai scontrata con i suoi militanti o ne abbia perquisito le sedi.

Euppure in ogni loro conferenza sostengono la necessità di una rivoluzione armata!

Avendone fatto parte in gioventù, dedicherò una serie di articoli a questo partito, nella speranza di sensibilizzare i frequentatori di questo blog verso questo problema (forse innoquo oggi, ma fra 10 anni?) e di fornire agli utenti del Cannocchiale le nozioni più utili per comprenderne l'attività e il funzionamento interno.

sfoglia           
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Proposte Politiche
Note su L.C.

VAI A VEDERE

50e50 - UDI
Agedo
Arcigay
Arcilesbica
Cariuli
Crisalide
Colapesce
Emilieto
Fireman
Francescopala
Gattopesce
Gaytoday
Il mondo di Galamay
Il mondo di Galatea
Neroassenso
Noi Valdesi Forum
Parteattiva
Pensieri Informati
UAAR (Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti)
Usbek


Add to Technorati Favorites



CERCA