Blog: http://nuovapolitica.ilcannocchiale.it

Finché Rota non vi separi...

Caro lettore,

se domani, aprendo il giornale, leggessi che un tribunale italiano ha ratificato una sentenza sudanese ordinando di lapidare una cittadina italiana adultera sposata a Khartoum, saresti d'accordo con i giudici? Restando con i piedi per terra, lo stesso tribunale potrebbe accettare un matrimonio poligamico celebrato in Egitto. Ti piacerebbe?

Io lo troverei assurdo e contrario a qualsiasi logica di uguaglianza dei cittadini italiani di fronte alla nostra legge. E tu?

Per fortuna nessun tribunale italiano ha ancora ratificato sentenze sulla poligamia e sulla lapidazione. In compenso, pochi giorni fa, una cittadina italiana che stava divorziando dal marito si è vista negare il divorzio e gli alimenti da un tribunale di Bari, che ha ratificato una sentenza del tribunale della sacra rota in cui il matrimonio veniva dichiarato nullo.

Così una sentenza straniera ha cancellato in un colpo solo i diritti di una cittadina italiana, tutto per colpa di un iniquo trattato noto come Concordato fra la Chiesa Cattolica e la Repubblica Italiana. Un trattato che abolisce di fatto l'uguaglianza dei cittadini di fronte alla legge, dando la possibilità ad alcuni mariti di tornare indietro di secoli per togliere ogni diritto alle mogli!

E poi c'è ancora chi dice che la modernità, la tolleranza e i valori dell'Europa hanno radici cristiane...

Pubblicato il 16/5/2008 alle 11.45 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web